Leggere il paesaggio con Lupolento

Primavera voglia di uscire, tempo di andare a resegà la végia, di passeggiare per i campi a cercare le viole lungo le rive dei fossi.

Anche se la nostra campagna ormai non è più usata per onorare queste tradizioni che ancora popolano i nostri ricordi, è ancora lì a ricordarci le nostre origini fatte di terra, acque e duro lavoro per produrre un cibo cui non così facilmente i nostri antenati avevano accesso.

La loro storia è impressa sul nostro territorio e noi possiamo conoscerla, possiamo decifrare i segni che gli uomini prima di noi ci hanno lasciato.

Grazie al loro lavoro oggi noi possiamo abitare la nostra pianura e fare tanti lavori diversi.

Il paesaggio è cambiato, è cambiata l’agricoltura, i fasti di antichi nobili sono svaniti, i contadini non affollano più i campi, trovare le viole lungo i fossi è sempre più difficile, ma possiamo sempre uscire per la campagna a cercare la storia della nostra civiltà agricola.

Per approfondire il tema dell’agricoltura e della cascina puoi prenotare i percorsi Cascina piccolo mondo grande universo, Terra lavoro e acqua quanto basta, oppure richiedere un intervento di lettura del paesaggio. Chiedi info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: